Il cammino di fede in parrocchia

camminodifedePresto in libreria!

Il cammino di fede. 
Riorganizzare la catechesi parrocchiale,
Elledici, Torino 2016

Questo libretto vuole potenziare l’organizzazione della catechesi parrocchiale. Non chiede di annullare quanto già messo in opera, non di tornare indietro, non di cedere alla tentazione dello scoraggiamento. Chiede di essere la cornice del quadro entro cui collocare tutto il cammino fatto dopo il Vaticano II fino ad oggi.

La situazione attuale è simile, infatti, alla cornice di un quadro.

La cornice può essere troppo stretta e allora molte dimensioni della catechesi vengono sacrificate in nome della illusoria semplificazione. La cornice può essere troppo larga e allora la catechesi perde di contorni definiti fino ad ospitare tutto e il contrario di tutto, in un disordine continuo. La cornice può non esserci affatto e allora la catechesi diventa liquida e si perde in semplici processi di socializzazione e affiliazione.

 

Introduzione. Potenziare la catechesi nella chiesa locale.
Una catechesi faticosa?
Abbiamo superato la crisi della catechesi parrocchiale?
Il presente testo. Dare sbocco alle innovazioni
Innovare. Un itinerario formativo per discepoli-missionari
Le evoluzioni del rinnovamento catechistico in Italia
La proposta di “Incontriamo Gesù” (2014).
I limiti e le prospettive
Formare discepoli-missionari: principi orientativi
L’itinerario proposto

E(rie)vangelizzare. Proporre la fede ai giovani e agli adulti
Il compito missionario: il primo annuncio della fede di Gesù
Evangelizzazione e Iniziazione cristiana degli adulti
Passaggi formativi
Migliorare l’offerta formativa
I nuovi protagonisti
I luoghi parrocchiali della E(rie)vangelizzazione.
Dal percorso agli itinerari

Formare. Le piccole comunità di vita cristiana per giovani e adulti
Il compito missionario: mistagogia della vita cristiana dei discepoli-missionari
La scelta della piccola comunit
Passaggi formativi
Migliorare l’offerta formativa
Narrare e raccontare il Vangelo messianico
Parrocchia in movimento
Animare la piccola comunità e il ministero dell’animatore

Trasmettere. Il catecumenato familiare.

Il compito missionario: trasmettere l’alfabeto religioso
Il catecumenato nella e per la famiglia
Passaggi formativi
Il vangelo nella famiglia
Itinerario per raccontare la bibbia ai bambini (e ai genitori)
Itinerario per iniziare bambini e genitori alle feste cristiane
Itinerario per la consegna del Padre Nostro alla famiglia
Migliorare l’offerta formativa
Proposte pastorali
Attenzioni comunicative

Socializzare. Introdurre nella vita della comunit
Il compito missionario: introdurre nella comunit
Rendere significativo il linguaggio religioso
Passaggi formativi
Itinerario per esplorare la comunit
Itinerario per interiorizzare il grande racconto di Gesù
Itinerario per la consegna del comandamento dell’amore e della prima riconciliazione
Itinerario per la Prima Eucaristia
Scelte  pastorali
Il progetto comunitario
La testimonianza degli adulti
Il gruppo catecumenale
Attenzioni comunicative

Evangelizzare. Proporre il Vangelo ai ragazzi
Il compito missionario: evangelizzare la vita dei PA
Illuminare la vita dei preadolescenti
Sostenere l’esperienza religiosa
Passaggi formativi
Scelte pastorali
Il grande racconto della storia della salvezza e la consegna del Vangelo
Pedagogia di accompagnamento
Attenzioni comunicative

Iniziare. Il catecumenato crismale degli adolescenti
Il compito missionario: proporre la scelta cristiana
Il catecumenato crismale
Passaggi formativi
Scelte pastorali
Gli attori formativi
Età e compiti formativi
Pluralità di accessi, creatività di proposte
Le quattro fasi del gruppo catecumenale

Quasi un manifesto. L’itinerario in sintesi

 

Questa pubblicazione continua la proposta di riorganizzazione della catechesi che tenga conto non solo della trasmissione della fede ma anche dei passaggi interiori che la persona è chiamata a compiere e dei processi comunicativi necessari nel suo accompagnamento. Una proposta che segue il modello della catechesi della risposta.

Gli altri sussidi sono:

Verso un nuovo principio parrocchiale

ati.parrocchiaTeologia della parrocchia: elementi teologico-pratici. Verso un nuovo principio parrocchiale. Intervento di L. Meddi alla Settimana teologica di Camaldoli 2016, 9 agosto.

Nel contesto del programma della settimana teologica, il mio intervento si concentrerà sul dibattito per ridefinire il ruolo della parrocchia nel post-concilio in Italia (P. Scabini 1995; F.R. Romersa 2001). Si colloca inoltre entro due riferimenti importanti: la “esclusione” del soggetto parrocchia nei documenti iniziali del Sinodo per la NE (2012) a vantaggio dei nuovi movimenti e il decennale (non celebrato) del documento CEI 2004 dedicato alla trasformazione missionaria della parrocchia.

La tesi del mio intervento sarà che la pastorale italiana attuale ha fatto una scelta semplificata delle proposte elaborate dalla teologia, soprattutto missionaria, e si lascia guidare da una figura o modello funzionale solo al rafforzamento o adattamento del modello tridentino centrato sulla comunicazione della Grazia.

Su questo tema di fondo ho già riflettuto in altro contesto (L. Meddi 2011) a cui faccio riferimento per una fondazione ecclesiologica più adeguata. Individuare un “principio parrocchiale” adeguato comporta indagare la natura missionaria della chiesa (AG 2.6) del suo compito e della responsabilità dei battezzati (LG 35); approfondire la soggettivazione missionaria della parrocchia (CJC 1983; F. Coccopalmerio 2000; A. Borras 1997). Questi due principi per loro natura interagiscono nella comprensione e operatività.

Download
schema   \  slides

La forma missionaria della Chiesa. Istanze dalla prassi pastorale, in Aiosa C.-Giorgio G. (a cura di, Credo la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, Edb, Bologna 2011, 71-111.

Parrocchia Associazioni Movimenti: espressioni dell’unica missionarietà della Chiesa , in Alcamo G. (a cura di), La catechesi educa alla gioia evangelica. Riflessioni teologico-pastorali a partire dall’Esortazione Evangelii Gaudium, Paoline , Milano 2014, 161-204

Visita
La categoria “parrocchia missionaria” 

 

L’educazione della fede: occasioni e contenuti

adgentesL. Meddi, L’educazione della fede: occasioni e contenuti, in Proposta educativa, 1994,3,5, 20-27.

In origine era il catechismo (dei bambini) organizzato in parrocchia per ricevere i sacramenti della cresima e della eucaristia. Poi vennero  i cambiamenti (cresima dopo la
comunione; due anni di corso) e gli itinerari per i sacramenti degli adulti (matrimonio, battesimo). Come è organizzata mediamente la catechesi e perché? Come mai sembra avere cosí poco successo? E come potrebbe meglio esprimere i suoi
compiti in una situazione di complessità culturale?

Il compito fondamentale della catechesi nella comunità: essere azione ecclesiale per abilitare i credenti a vivere la fede in modo operoso e legata alla vita. 

ll carattere educativo della catechesi viene collegato sempre più, nei nostri tempi con la iniziazione cristiana. Non tanto in riferimento di conferimento dei sacramenti che identificano la persona al mistero pasquale di Cristo quanto alla progressiva introduzione o apprendistato alla vita cristiana che ne costituisce il contenuto essenziale. Bisognerebbe inoltre sottolineare che in questo contesto «vita cristiana» vuole significare le dimensioni che strutturano progressivamente l’agire battesimale del credente. La vocazione battesimale colloca, infatti, il cristiano
nella logica della missione pasquale di Cristo e della chiesa; missione entro cui si progredisce e a cui ci si educa per mezzo degli strumenti della vita cristiana. [Leggi tutto]

 

 

Per una chiesa in uscita una ministerialità rinnovata

parrocchia missionaria.ministeriIntervento di don Luciano Meddi  al convegno della chiesa di Fano Fossombrone Cagli Pergola. Lunedi giugno 2016.

La riorganizzazione della ministerialità laicale non deriva dalla mancanza di presbiteri ma dall’ampliamento della responsabilità missionaria.

La ministerialità è di fatto ancora incentrata nel servizio al mistero pasquale mentre la testimonianza all’amore di Dio (il principio messianico del ministero ecclesiale) si sviluppa in tre dimensioni interagenti:

l’umanizzazione (l’evangelizzazione della speranza, la trasformazione della società nella fraternità universale, la costruzione dei segni messianici adatti nel nostro tempo); la iniziazione cristiana (la proposta, la formazione, la sperimentazione e abilitazione a vivere la testimonianza cristiana); la trasformazione cristiana (conversione, santificazione, celebrazione, direzione spirituale…)

download sintesi dell’intervento

altri post
Evangelli Gaudium. Chiavi di lettura della conversione missionaria
Evangelii Gaudium. La parrocchia missionaria
La parrocchia è missionaria?
Il compito della parrocchia nella Chiesa Locale
Rimettere al centro la responsabilità dell’evangelizzazione

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: