Direttorio per la Catechesi: un indice audace

Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione, Direttorio per la catechesi, 23 giugno 2020. 

L’analisi dell’indice generale del nuovo DPC letto con gli analoghi indici dei precedenti direttori mostra una sostanziale conferma delle innovazioni proposte da DGC 1997 rispetto al primo DCG 1971, ma anche alcune novità che si prestano a diverse interpretazioni. Il nuovo DPC riorganizza l’intera materia catechistica secondo tre capitoli: il primo dedicato alla natura e i compiti della catechesi; il secondo alla pedagogia catechistica; il terzo alla organizzazione della catechesi nella chiesa locale (che il direttorio sceglie di chiamare chiesa particolare.

L’insieme sembra essere guidato più dalla prospettiva sistematica che quella teologico-pastorale; una prospettiva che deriva, come lascia intendere soprattutto la Guida alla lettura offerta da Mons. Fisichella Presidente del PCPNE, dal concetto di trasmissione della fede approfondito nel 2012 dalla XIII Assemblea dei Vescovi sulla Nuova Evangelizzazione.

DCG 1971 DGC1997 DPC 2020
Proemio Esposizione introduttiva
’annuncio del Vangelo
nel mondo contemporaneo
 
Presentazione         »              43

Introduzione (1-10) »              55

PARTE I
ATTUALITÀ DEL PROBLEMA
La situazione attuale nel mondo
La situazione attuale nella chiesa
=======
Parte II
IL MINISTERO DELLA PAROLA
1. Il ministero della parola e la rivelazione
2. La catechesi nella missione pastorale della chiesa
Parte prima
LA CATECHESI NELLA MISSIONE EVANGELIZZATRICE DELLA CHIESACapitolo primo
La Rivelazione e la sua trasmissione mediante l’evangelizzazione

Capitolo secondo
La catechesi nel processo dell’evangelizzazione

Capitolo terzo
Natura, finalità e compiti della catechesi

Parte Prima
LA CATECHESI NELLA MISSIONE EVANGELIZZATRICE DELLA CHIESACAPITOLO I
La RIVELAZIONE E LA SUA TRASMISSIONE
Capitolo II: L’identità della catechesi
Capitolo III: IL catechista
CAPITOLO IV:
La FORMAZIONE DEI CATECHISTI   
PARTE III
IL MESSAGGIO CRISTIANO1. norme e criteri
2. gli elementi essenziali del messaggio cristiano
Parte seconda
IL MESSAGGIO EVANGELICO
Significato e finalità di questa parte

Capitolo primo
Norme e criteri per la presentazione del messaggio evangelico nella catechesi

Capitolo secondo
Il Catechismo della Chiesa Cattolica

 

PARTE IV
ELEMENTI DI METODOLOGIACatechista, metodo induttivo e deduttivo, formule esperienza
Parte terza LA PEDAGOGIA DELLA FEDE« Uno solo è il vostro Maestro, il Cristo » (Mt 23,10)

Significato e finalità di questa parte
Capitolo primo
La pedagogia di Dio, fonte e modello della pedagogia della fede

Capitolo secondo
“Elementi di metodologia

Parte Seconda IL PROCESSO DELLA CATECHESI

CAPITOLO V: La PEDAGOGIA DELLA FEDE 181

CAPITOLO VI: IL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA »              199

CAPITOLO VIII: La CATECHESI NELLA VITA DELLE PERSONE »   225

PARTE V
LA CATECHESI SECONDO LE ETÀInfanzia, fanciullezza, preadolescenza adolescenza  e giovinezza, Adulti, vecchiaia
Parte quarta
I DESTINATARI DELLA CATECHESI
« Il Regno riguarda tutti » (RM 15)   Significato e finalità di questa parte
Capitolo primo
L’adattamento al destinatario: aspetti generaliCapitolo secondo
le catechesi per età

Capitolo terzo
Catechesi per situazioni speciali, mentalità e ambienti

Capitolo quarto
Catechesi in contesto socio-religioso

Capitolo quinto
Catechesi in contesto socio-culturale

PARTE VI: LA PASTORALE DEL MINISTERO DELLA PAROLA

cap. I analisi della situazione
cap. II il programma di azione
cap. III la formazione catechistica
cap. IV gli strumenti
cap. V l’organizzazione della catechesi
cap. VI: coordinamento della pastorale catechistica con l’insieme dell’azione pastorale:
cap. VII necessità di promuovere la ricerca scientifica
cap. VIII la cooperazione internazionale e le relazioni con la santa sede

Parte quinta
LA CATECHESI NELLA CHIESA PARTICOLARESignificato e finalità di questa parte

Capitolo primo
Il  ministero della catechesi nella Chiesa particolare e i suoi agenti

Capitolo secondo
La formazione per il servizio della catechesi

Capitolo terzo
Luoghi e vie della catechesi

Capitolo quarto
L’organizzazione della pastorale catechistica nella Chiesa particolare

 

Parte Terza

LA CATECHESI NELLE CHIESE PARTICOLARI

CAPITOLO IX: LA COMUNITÀ CRISTIANA

SOGGETTO DELLA CATECHESI »                273

CAPITOLO X: La CATECHESI DI FRONTE AGLI SCENARI

CULTURALI CONTEMPORANEI

CAPITOLO XI: LA CATECHESI A SERVIZIO

DELL’INCULTURAZIONE DELLA FEDE

CAPITOLO XII: GLI ORGANISMI

A SERVIZIO DELLA CATECHESI

Allegato
INIZIAZIONE AI SACRAMENTI DELLA PENITENZA E DELL’EUCARISTIA
Conclusione             Conclusione

In generale la continuità è soprattutto con il DGC 1997 di cui segue alcune scelte:
– non dedica un capitolo sulla analisi della situazione socio-culturale ed ecclesiale (analisi che è presente nel testo in più luoghi ma non tematizzata in una parte specifica)
– interpreta la natura e i compiti della catechesi dentro la teologia della missione e non nella sola teologia della rivelazione (il ministero della Paola di DCG 1971)
– preferisce parlare di pedagogia divina e pedagogia della fede piuttosto che di metodologia catechistica
– mantiene un ruolo decisivo (anche se ricollocato) al CCC

In discontinuità oltre la già ricordata scelta di non offrire un capitolo specifico alla analisi della situazione, colpisce
– la scelta tripartita (natura, pedagogia, chiesa locale) e quindi la logica più sistematica della definizione del compito, il metodo che ne deriva, il soggetto agente (la chiesa). (Tuttavia si fa fatica a capire perchè due capitoli della Parte Prima – sulla natura della catechesi – siano dedicati al catechista)
– questa scelta sacrifica due sezioni: quella dedicata ai criteri del messaggio e quella dedicata ai destinatari (ambedue presenti come temi, ma inseriti e quindi illuminati da una differente visione d’insieme).

L’insieme, infatti, sembra essere guidato più dalla prospettiva sistematica che quella teologico-pastorale; dalla scelta di preferire più il linguaggio della definizione e della applicazione più che il linguaggio della progettazione e contestualizzazione. Una prospettiva che deriva, come lascia intendere soprattutto la Guida alla lettura offerta da Mons. Fisichella Presidente del PCPNE, dal concetto di trasmissione della fede approfondito nel 2012 dalla XIII Assemblea dei Vescovi sulla Nuova Evangelizzazione.

Una scelta che fa interrogare sulla collocazione e il ruolo dei destinatari, della cultura, della complessità del fenomeno religioso. Temi su cui si dovrà indagare maggiormente per capire le direzioni che DPC offre e suggerisce alle chiese.

Direttorio per la Catechesi: il compito della catechesi missionaria

Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione, Direttorio per la Catechesi, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2020

E’ stata presentata la nuova edizione del Direttorio per la Catechesi a 23 anni dal Direttorio Generale per la catechesi. Il Direttorio vuole conservare le linee guida per la competenza catechistica che dal Vaticano II è giunta fino a noi, ma al tempo stesso riformulare tale compito nella prospettiva delle riflessioni contemporanee. Circa la definizione del compito della catechesi, il documento usa l’espressione catechesi missionaria che viene descritta ai nn.- 3-4 della Introduzione

3. Alla luce di queste linee che caratterizzano la catechesi in chiave missionaria, si riscopre anche lo scopo del processo catechistico. La comprensione contemporanea dei dinamismi formativi delle persone propone che l’unione intima con Cristo, obiettivo finale della proposta catechistica sempre indicato dal Magistero, non dovrebbe essere presentato solo come un grande valore in sé, ma deve essere realizzato con un processo di accompagnamento (EG 169-173).

In effetti, il complesso processo di interiorizzazione del Vangelo coinvolge l’intera persona nella tua esperienza di vita. Solo una catechesi che si concentra sulla risposta alla fede che ogni persona dovrebbe dare, può focalizzare lo scopo indicato. Questo è il motivo per cui il presente Direttorio insiste nella importanza della catechesi che accompagna la maturazione di mentalità di fede con una dinamica di trasformazione, che è sicuramente un’azione spirituale. Questa sarebbe la forma corretta e necessaria di inculturazione della fede.

4. Pertanto, nel rileggere la natura e lo scopo della catechesi, questo Direttorio presenta alcune prospettive che sono il frutto del discernimento realizzato nel contesto ecclesiale degli ultimi decenni e che attraversa tutto il documento e costituisce il suo quadro principale.

– Si riafferma la completa fiducia nello Spirito Santo, che è presente e agisce nella Chiesa, nel mondo e nei cuori delle persone. Questa convinzione dà al compito catechistico una nota di gioia, serenità e di responsabilità.
– L’atto di fede nasce dall’amore che desidera conosce ogni volta di più il Signore Gesù, vivo nella Chiesa;  per questo iniziare i credenti alla vita cristiana equivale a portarli in un incontro vivente con Lui.
– La Chiesa, mistero della comunione, guidata dallo Spirito Santo, genera una nuova vita. Con questo sguardo di fede si riafferma il ruolo della comunità cristiana come luogo adatto per la generazione e la maturazione della vita cristiana.
– Il processo di evangelizzazione insieme a quello di catechesi costituiscono un’azione spirituale. Ciò richiede che i catechisti siano veri “evangelizzatori dallo Spirito” (EG 259-283) e fedeli collaboratori dei pastori.
– Viene riconosciuto il ruolo fondamentale dei battezzati. Nella loro dignità propri dei figli di Dio, tutti i credenti lo sono soggetti attivi della proposta catechistica, non sono ospiti passivi o semplici destinatari. di un servizio e quindi sono chiamati ad essere veri discepoli missionari.
– Vivere il mistero della fede in termini di relazione con il Signore ha conseguenze per l’annuncio del Vangelo. Chiede di superare ogni contrasto tra contenuto e metodo, tra fede e vita.

(Traduzione dal testo spagnolo)

si vedano gli interventi nella conferenza stampa di Presentazione del 25 giugno
R. Fisichella\  J.O. Ruiz ArenasF.-P. Tebartz

Catechesi in tempo di covid19

La parrocchia rimane il primo luogo di evangelizzazione di questo tempo. Certamente abbiamo avuto l’accompagnamento prezioso di Papa Francesco e le parole e la testimonianza dei nostri Vescovi. Essi ci hanno evangelizzato cioè ci hanno aiutato a vedere le presenze di Dio in questo tempo, il dono del Suo Spirito. ma è la parrocchia il luogo ordinario perché il cammino di evangelizzazione continui e diventi orientamento (atteggiamento) stabile della nostra vita. la parrocchia aiuta questa possibilità in diversi modi e principalmente con la catechesi.

La catechesi sostiene l’elaborazione spirituale di questi giorni. La catechesi dovrà seguire un metodo che permetta alla persona (ragazzo, giovane o adulto) di avere coscienza e verbalizzare le sensazioni e rappresentazioni religiose con cui sta vivendo questo tempo.

  • In un primo momento aiutare a scoprire la domanda su Dio che ci portiamo dentro. Forse essa è nascosta o solo intuita; forse si manifesta come soluzione oppure come problema.
  • In secondo momento aiutare a portare a consapevolezza e verbalizzazione la raffigurazione di Dio, e soprattutto come questa parola agisce e funziona nella nostra spiritualità interiore.
  • In un terzo momento le persone possono essere aiutate a comprendere le radici e le motivazioni del nostro dialogo interiore
  • Infine il momento di evangelizzazione: confrontare le nostre rappresentazioni e le conseguenze che hanno nel nostro mondo interiore con la narrazione di Dio fatta da Gesù.

La catechesi aiuta il battezzato a vivere la vita cristiana nei suoi diversi momenti di vita. Come ci ricordano sempre i documenti della chiesa, la catechesi ha il compito di sostenere la risposta di fede delle persone, di farla crescere in modo che il Vangelo possa diventare il loro centro dell’esistenza e guidare il progetto di vita di ciascuno; ha il compito di formare la vita cristiana in modo che ciascuno possa essere abilitato a viverla quotidianamente. Come ci ricorda il documento conciliare Gravissimum educationis (2), la catechesi è un diritto del battezzato perché il suo cammino per diventare uomo nuovo sia sostenuto da tutta la comunità.

La catechesi in questa fase può aiutare molto. Cosa può fare, cosa non deve fare?

La catechesi può aiutare perché ha il compito di sostenere la riflessività interiore della esperienza religiosa. Altre dimensioni della missione hanno il compito di tramandare, suggerire, spiegare, difendere, approfondire. Sono attività missionarie che hanno il compito di annunciare. Ma il compito principale della catechesi è quello di accompagnare l’echo interiore, Il cammino che la parola o l’intuizione di Dio percorre dentro di noi.

 

catechesi in tempo di Covid19breve

catequesis en tiempo de coronavisus
traducito por  Hna. Gladys De la Cruz Castañón HCJC
https://catequistasjc.org

Predicazione e catechesi

Predicazione e catechesi. Il compito della catechesi nella comunicazione della fede oggi, in «Asprenas» 66 (2019) 3, 27-38

Se ripercorriamo la storia della Chiesa scopriamo che la missione nelle sue diverse forme si è sempre realizzata attraverso due momenti importanti. Una qualche forma di annuncio e una formazione successiva al battesimo. Le diversità hanno riguardato le modalità e le finalità di tali azioni. A volte l’annuncio precedeva il battesimo a volte lo seguiva. Proprio per questo si cominciò a utilizzare l’espressione predicazione. L’espressione indicava sia il contenuto che la metodologia. La predicazione presentava in modo ordinario le verità della fede e le norme morali.

Cosa succede quando una persona scopre dentro di sé la presenza di Dio o rimane coinvolta dalle parole di un testimone della fede? Questo è il senso del presente intervento. Equivoci pastorali e tradizioni tarde a innovarsi portano a pensare che il servizio alla Parola di Dio consista solamente in un atto comunicativo.

Con il rischio continuo, già narrato dalla parabola del Seminatore (Mc 4), che il seme del Vangelo, pur trasmesso e ascoltato, rimanga bloccato dalle condizioni di colui che ascolta. Se uniamo quella parabola con la giovannea allegoria della vite e dei tralci (e ad altre parole di Gesù tramandate dai Sinottici), allora scopriamo inoltre che comunicare il servizio alla rivelazione-fede include il formare e accompagnare la risposta

1. Una missione con molte parole
2. La natura teologica e antropologica del duplice servizio. Spunti dalla storia recente .
3. I problemi della comunicazione della fede oggi
4. Il compito della catechesi
5. I compiti della catechesi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: