Catechesi in tempo di covid19

La parrocchia rimane il primo luogo di evangelizzazione di questo tempo. Certamente abbiamo avuto l’accompagnamento prezioso di Papa Francesco e le parole e la testimonianza dei nostri Vescovi. Essi ci hanno evangelizzato cioè ci hanno aiutato a vedere le presenze di Dio in questo tempo, il dono del Suo Spirito. ma è la parrocchia il luogo ordinario perché il cammino di evangelizzazione continui e diventi orientamento (atteggiamento) stabile della nostra vita. la parrocchia aiuta questa possibilità in diversi modi e principalmente con la catechesi.

La catechesi sostiene l’elaborazione spirituale di questi giorni. La catechesi dovrà seguire un metodo che permetta alla persona (ragazzo, giovane o adulto) di avere coscienza e verbalizzare le sensazioni e rappresentazioni religiose con cui sta vivendo questo tempo.

  • In un primo momento aiutare a scoprire la domanda su Dio che ci portiamo dentro. Forse essa è nascosta o solo intuita; forse si manifesta come soluzione oppure come problema.
  • In secondo momento aiutare a portare a consapevolezza e verbalizzazione la raffigurazione di Dio, e soprattutto come questa parola agisce e funziona nella nostra spiritualità interiore.
  • In un terzo momento le persone possono essere aiutate a comprendere le radici e le motivazioni del nostro dialogo interiore
  • Infine il momento di evangelizzazione: confrontare le nostre rappresentazioni e le conseguenze che hanno nel nostro mondo interiore con la narrazione di Dio fatta da Gesù.

La catechesi aiuta il battezzato a vivere la vita cristiana nei suoi diversi momenti di vita. Come ci ricordano sempre i documenti della chiesa, la catechesi ha il compito di sostenere la risposta di fede delle persone, di farla crescere in modo che il Vangelo possa diventare il loro centro dell’esistenza e guidare il progetto di vita di ciascuno; ha il compito di formare la vita cristiana in modo che ciascuno possa essere abilitato a viverla quotidianamente. Come ci ricorda il documento conciliare Gravissimum educationis (2), la catechesi è un diritto del battezzato perché il suo cammino per diventare uomo nuovo sia sostenuto da tutta la comunità.

La catechesi in questa fase può aiutare molto. Cosa può fare, cosa non deve fare?

La catechesi può aiutare perché ha il compito di sostenere la riflessività interiore della esperienza religiosa. Altre dimensioni della missione hanno il compito di tramandare, suggerire, spiegare, difendere, approfondire. Sono attività missionarie che hanno il compito di annunciare. Ma il compito principale della catechesi è quello di accompagnare l’echo interiore, Il cammino che la parola o l’intuizione di Dio percorre dentro di noi.

 

catechesi in tempo di Covid19breve

catequesis en tiempo de coronavisus
traducito por  Hna. Gladys De la Cruz Castañón HCJC
https://catequistasjc.org

Predicazione e catechesi

Predicazione e catechesi. Il compito della catechesi nella comunicazione della fede oggi, in «Asprenas» 66 (2019) 3, 27-38

Se ripercorriamo la storia della Chiesa scopriamo che la missione nelle sue diverse forme si è sempre realizzata attraverso due momenti importanti. Una qualche forma di annuncio e una formazione successiva al battesimo. Le diversità hanno riguardato le modalità e le finalità di tali azioni. A volte l’annuncio precedeva il battesimo a volte lo seguiva. Proprio per questo si cominciò a utilizzare l’espressione predicazione. L’espressione indicava sia il contenuto che la metodologia. La predicazione presentava in modo ordinario le verità della fede e le norme morali.

Cosa succede quando una persona scopre dentro di sé la presenza di Dio o rimane coinvolta dalle parole di un testimone della fede? Questo è il senso del presente intervento. Equivoci pastorali e tradizioni tarde a innovarsi portano a pensare che il servizio alla Parola di Dio consista solamente in un atto comunicativo.

Con il rischio continuo, già narrato dalla parabola del Seminatore (Mc 4), che il seme del Vangelo, pur trasmesso e ascoltato, rimanga bloccato dalle condizioni di colui che ascolta. Se uniamo quella parabola con la giovannea allegoria della vite e dei tralci (e ad altre parole di Gesù tramandate dai Sinottici), allora scopriamo inoltre che comunicare il servizio alla rivelazione-fede include il formare e accompagnare la risposta

1. Una missione con molte parole
2. La natura teologica e antropologica del duplice servizio. Spunti dalla storia recente .
3. I problemi della comunicazione della fede oggi
4. Il compito della catechesi
5. I compiti della catechesi.

Risorgere significa rinascere sapendo il perché della vita…

Venerdi santo: imparare a liberare il nostro io profondo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: