La catechesi familiare. Necessità, compiti e modelli

Già negli anni ‘30 nella catechesi si parla della «necessità» delle mamme catechiste per favorire la crescita religiosa dei figli; le prime riflessioni organiche sono degli anni ‘60 e sono intese come catechesi per gli adulti e abilitazione al compito educativo dei genitori. Un grande impulso venne da 2 esperienze: la catechesi familiare di C. Decker, cileno; e dalla catechesi comunitaria di W, Saris, Olandese.

Tuttavia i documenti italiani sembrano avere molta paura a suggerire il modello pastorale della CF. Anche «Incontriamo Gesù» (2014) non usa neppure questa espressione!

In libreria si trovano molti sussidi che si definiscono di “catechesi familiare”….Ma attenzione alle cattive imitazioni

La CF appare oggi come una scelta pastorale importante per almeno tre motivazioni

pedagogica: il ruolo dei genitori nella educazione religiosa; sociologica: la fine del catecumenato sociale, della religiosità diffusa, della società semplice; pastorale: rifare il tessuto della comunità cristiana

In modo particolare è proprio la motivazione pastorale quella che deve essere sottolineata maggiormente. Per realizzare la «conversione missionaria» della pastorale, occorre passare dalla trasmissione sociologica della fede alla qualificazione dei credenti, la maturità della fede, la scelta personale, la personalizzazione, integrazione, interiorizzazione della fede stessa.

occorre abilitare gli adulti a leggere cristianamente la realtà e se stessi, ad scoprirsi chiamati ad  essere «discepoli missionari»!

Questa scelta è fondamentale per sostenere la pastorale parrocchiale, riqualificare le diverse ministerialità attraverso lo sviluppo dei personali carismi e per dare avvio una un serio rapporto e testimonianza comunitaria nel territorio

 

download slides

leggi anche

Il compito missionario della famiglia nella iniziazione cristiana dei ragazzi. Un modello
Incontrare i Genitori della Iniziazione Cristiana

 

Evangelizzare: compito e compiti della chiesa

Evangelizzare: compito e compiti della chiesa. Lettura missiologica. Intervento di don Luciano Meddi al seminario Missio-Cum-Tom: «Nuovi e antichi Ministeri per la Missione». Verona 6 luglio

Il senso di una evoluzione del termine. In questo tempo la missione e l’esperienza pastorale mostrano un desiderio di approfondire i termini che compongono il tema della evangelizzazione , questo significa incertezza.

Predicare, evangelizzare, annunciare, proporre, trasmettere, comunicare…sono termini che indicano l’esistenza di una evoluzione, una problematizzazione ma anche una polarizzazione proprio sul senso di missione. Essa oscilla tra testimonianza, conquista, dialogo, umanizzazione (concilium nota sulla evangelizza).

Si deve inoltre ricordare la discussione che ha generato EN sul rapporto tra evangelizzazione e promozione umana che, in profondità, si collega al tema del valore e importanza del mistero pasquale in rapporto alle culture e alla storia. Quali sono i signa Dei?

Disambiguare la tradizione? «Guai a me se predicassi il Vangelo!» (1Cor 9,16); «Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo…» (Mt 24,19); «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato» (Mc 16, 15-16)

Sarà utile partire dalla intuizione racchiusa nella radice semantica del termine: eu-anghelion.

Questo significa che sarà utile riportare il termine ev. all’interno della esperienza di salvezza (integrale) delle persone più che nel primato della interpretazione filosofica della stessa. Riportare la evangelizzazione al Vangelo! (come insegna Evangelii gaudium)

Si deve assolutamente riconsiderare l’evangelizzazione come verbo, come azione dinamica prima che come attività della chiesa. Questa prospettiva è presente in LG e in AG e permette a GS di dare una visione di missione molte legata alla trasformazione della cultura.

Essa ha come soggetto Dio-Trinità nel suo mistero-disegno di compimento della creazione attraverso la libertà della persona. Occorre recuperare la capacità di vedere Dio all’opera mentre evangelizza nella storia e nel cuore dell’uomo. Occorre avere un quadro teologico-missionario.

La Chiesa trova qui diversi e importanti aiuti per definire il compito della evangelizzazione, circa i contenuti e circa i soggetti.

 

slides download

“Sognate anche voi questa Chiesa”.

Sognate anche voi questa Chiesa”.
Per una progettualità missionaria alla luce dell’Evangelii Gaudium. Laboratori di approfondimento
9° Convegno nazionale dei direttori e delle equipe dei CMD. Sacrofano di Roma 8-10 giugno 2017

 

 

 

6 laboratori

  • 1)      LA PROGETTAZIONE MISSIONARIA DIOCESANA: NUOVI COMPITI PER IL CMD
  • 2)      “DISCEPOLI-MISSIONARI”: IL BISOGNO DI QUALIFICARE L’AGGETTIVO MISSIONARIO. PER UNA NUOVA DESCRIZIONE DELLA VOCAZIONE CRISTIANA
  • 3)      RENDERE MISSIONARIA LA PROGETTAZIONE PASTORALE DIOCESANA E PARROCCHIALE
  • 4)      LA COMUNITA’ RENDE PRESENTE L’AMORE DI DIO. COLLABORARE PER UNA “COMUNE TESTIMONIANZA”
  • 5) PROPORRE LA FEDE: IL PRIMO ANNUNCIO, FIGURA E COMPITO
  • 6) IL GRUPPO DI ANIMAZIONE E COOPERAZIONE MISSIONARIA: COME QUALIFICARE LA FORMAZIONE?

download slides

download Evangelli Gaudium. Chiavi di lettura della conversione missionaria

 

Il compito missionario della famiglia nella iniziazione cristiana dei ragazzi. Un modello

Il compito missionario della famiglia nella iniziazione cristiana dei ragazzi. Un modello.


Intervento al congresso della Equipe Européene de Catéchèse: La famille entre éducation chrétienne et proposition de la foi, Madrid 31 maggio-5 giugno 2017.

Anche in Italia come nei paesi di tradizione cristiana e di «cultura occidentale» i processi iniziatici e di socializzazione sono modificati da alcuni fenomeni sociali[1]. Non si sviluppano più in modo intergenerazionale, ma a livello del gruppo dei pari, per cui la trasmissione dei valori marginalizza la famiglia e spesso non avviene o avviene in modalità differenti. La trasmissione dei valori è segnata dalla nuova condizione antropologica di soggettività, libertà e apprendimento per sperimentazione. Modalità che relativizzano il modello tradizionale, centrato sull’autorità di chi trasmette, e accentua la selezione e l’acquisizione orizzontale degli stessi[2].

Tutto questo sfida il tradizionale modello di socializzazione e iniziazione religiosa che la Chiesa ha sperimentato da tempo. Tuttavia «sfidare» non significa necessariamente impedire o annullare ma piuttosto innovare nella continuità. In questo caso significa permanere nella impostazione iniziatica che prolunga la offerta formativa reinterpretando i sacramenti in prospettiva missionaria più che liturgica. D’altra parte Giovanni Paolo II ci ha insegnato a seguire le strade dell’uomo per svolgere la missione propria della Chiesa.

La mia proposta (e riflessione) riconosce la validità dei progetti e documenti catechistici che richiamano con insistenza il compito missionario in precedenza contestato e negato. Ma non si limita a indicare il compito nella prospettiva di socializzazione quasi solo come sostegno al lavoro che farà successivamente la catechesi ufficiale della parrocchia. Sarebbe una nuova stagione di formalismo religioso. La mia proposta persegue l’obiettivo di rendere gli adulti competenti nella responsabilità della trasmissione della fede in un contesto di espressione di libertà della religione-fede.

 

download compito della famiglia nella IC
download la tache missionnaire de la famille
download la tarea misionera de la familia

 

[1] M. Diana, Le nuove iniziazioni sociali, in Aa.Vv., Iniziazione cristiana per i nativi digitali. Orientamenti socio-pedagogici e catechistici, Paoline, Milano 2012, 39-61. Cf. Crisi delle strutture di iniziazione, in «Concilium», 15 (1979) 2.
[2] L. Meddi, Apprendere nella Chiesa oggi: verso nuove scelte di qualità, in Associazione Italiana dei Catecheti (AICa) – P. Zuppa (a cura di), Apprendere nella comunità cristiana. Come dare “ecclesialità” alla catechesi oggi?, Elledici, Torino 2012, 95-131.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: