Grandi Parole: Azione messianica

grandiparole

1. Destinatari. Questo tema riguarda principalmente l’itinerario di IC o di Nuova Evangelizzazione perché rappresenta uno dei contenuti centrali della fede in Gesù Cristo a cui aderire. Tuttavia è utile anche per ricordare quale sia il contenuto della vita cristiana da realizzare negli itinerari seguenti.

2. Dimensione biblica. Il termine non si trova in questo modo nella Bibbia. Esso riassume l’intera vicenda di Gesù. Egli passò beneficando risanando tutti coloro che stavano sotto il potere del diavolo (At. 10,38). Esprime quindi l’insieme delle attività di Gesù. Le sue azioni attraverso cui rendeva presente e significativo l’annuncio della volontà di Dio (Regno), il suo messaggio trasmesso in parole, le dispute con le autorità sulla interpretazione autentica del volto di Dio. La morte in croce riassume tutti i significati della sua prassi missionaria. La risurrezione ha confermato e costituito Signore colui che le autorità avevano rifiutato per il suo agire ma che Dio fin dall’inizio aveva accreditato  presso di noi (At. 2,22). È certamente una azione liberatrice e costruttrice di salvezza: libera il volto di Dio  dalla interpretazione religiosa, invita gli uomini alla fraternità, introduce il perdono come chiave sociale. In una parola dà inizio al tempo escatologico che i profeti avevano prefigurato: il tempo dello shalom (Is 2;11; Ez 34; 37) e che l’Apocalisse annuncia come speranza (Ap. 21)

3. La tradizione della chiesa. Il Concilio e il CCC ci parlano poco della azione messianica di Gesù e tuttavia LG afferma che la  Chiesa deve configurarsi come popolo messianico soprattutto attraverso la condivisione della speranza del mondo (GS 1). La tradizione ha conservato memoria della AM riutilizzando nella narrazione della fede in Gesù lo schema  dei tre ministeri (tria munera) da lui svolto con la sua vita. Egli è  profeta, sacerdote e re (LG 9-11) così la comunità sotto la guida dei pastori è chiamata tutta a sviluppare la medesima  azione di salvezza (LG 35-37). Per questo anche la chiesa italiana ha sviluppato il tema del rapporto tra Evangelizzazione e Promozione Umana. Le due cose sono intrinsecamente unite. Ugualmente il Sinodo Straordinario (1985) dirà che la Chiesa persegue la opzione preferenziale dei poveri. Il recente compendio della dottrina sociale della chiesa  ne è una guida preziosa. La riflessione teologica ha approfondito il concetto di salvezza “integrale” ( salvezza nella storia) per indicare che la fede riguarda tutte le dimensioni personali e sociali. Essa è insieme  il dono dello Spirito che ci rinnova, ma anche la realizzazione, la salvaguardia ecologica del mondo, la pace, la liberazione umana nelle sue diverse forme

4. Attenzioni pastorali. Troppo spesso la AM viene intesa solo come esempio della natura divina (misteriosa) di Gesù che come contenuto e compito della sua azione missionaria. Ne deriva una idea di vita cristiana attenta solamente al tema della riconciliazione e del giudizio.

Tratto da

Barghiglioni E. e M.-Meddi L., Adulti nella comunità cristiana. Guida alla preparazione di itinerari per l’evangelizzazione, la crescita nella fede e la mistagogia della vita cristiana, Paoline, Milano 2008

© lucianomeddi.eu

One Response to Grandi Parole: Azione messianica

  1. PAU ha detto:

    Excellent!

Grazie per il tuo commento o comunicazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: