Category Archives: itinerario catechetico

Ripensare la catechesi come percorso educativo

camminodifedeRipensare il percorso educativo della catechesi alla luce della velocità del cambiamento. Intervento di don Luciano Meddi al Convegno Catechistico Regionale «La “grande bellezza” della fede. Narrare il Kerygma nel tempo del cambiamento». Venerdì 17 e Sabato 18 gennaio 2020 Arezzo – Seminario vescovile.

Il primo dibattito che si deve riprendere nella chiesa italiane è: quale è?/quali sono i problemi? Li raggruppo in tre aspetti. Le crisi della socializzazione sociale e cristiana (1). La crisi che viviamo riguarda l’inadeguatezza della catechesi a realizzare la trasmissione della cultura cristiana; la socializzazione è divenuta questione complessa per i soggetti e per il cambio culturale; il cristianesimo non appare come cultura adeguata. Questo perché è fortemente in crisi la tradizionale narrazione cristiana (2) o interpretazione fondamentale della proposta cristiana: il mistero pasquale. Non è in crisi il Vangelo ma di una sua interpretazione o inculturazione.

A nostro avviso si rende necessario riformulare l’offerta formativa cristiana (il “processo di evangelizzazione”) secondo tre principi guida: rendere la persona e i gruppi umani soggetto dell’apprendimento della fede (occuparsi della risposta di fede); proporre una comunicazione del messaggio secondo nuove inculturazioni; pensare l’intera catechesi come formazione-tirocinio di vita cristiana (mistagogia).

Questo è il primo fattore che porta alla difficoltà a far maturare la fede e a creare dissociazione fede-vita (3). Ma si deve notare anche che il sistema ecclesiale è troppo sbilanciato sul compito comunicativo e poco su quello educativo-formativo, cioè non è finalizzato a creare adesione, conversione profonda e capacità di vivere la vita cristiana. Non è finalizzato a sostenere l’atteggiamento o habitus di fede. Questi nuovi scenari della missione portano la catechesi a relativizzare il compito di sola istruzione dottrinale, e a prendere su di sé il compito di aiutare la risposta e la crescita dell’atto di fede, cioè la educazione dei cristiani (GE 2).

1. proporre e formare la vita cristiana: le sfide
2. riformulare l’offerta formativa
3. Una nuova narrazione della fede?
4. l’offerta formativa: un nuovo catecumenato di popolo
5. riqualificare il momento crismale

Leggi tutto
MEDDI ripensare la catechesi

Il compito della catechesi nella nuova evangelizzazione. Superare la dissociazione fede e vita

La nuova evangelizzazione nasce dalla sensazione di fine della cristianità. Sensazione che ha un qualche fondamento sociologico. Ma non si disegna il futuro della chiesa e del cristianesimo sulle paure! Ma su una comprensione profonda della situazione attuale alla luce della sapienza del Vangelo

Luciano Meddi © Catechesi, 2012-2013, 82,2, 12-18.

La chiesa italiana sta progressivamente adeguando il suo “dispositivo formativo” ai nuovi contesti sociali ed ecclesiali.  Forse si concluderà con una rilettura o riscrittura del DB Il rinnovamento della catechesi. Questa ricerca si colloca dopo la pubblicazione del documento “Annuncio e Catechesi” del 2010 presentato quasi come sintesi del decennio “comunicare la fede in un mondo che cambia” (2001) ma anche nell’imminenza del Sinodo per la NE (2012) […]

Catechesi e persona in prospettiva educativa

Gli Orientamenti dei vescovi italiani[1] hanno fatto propria la sollecitazione di da Benedetto XVI a considerare la catechesi come questione di esperienza e non solo di conoscenza. Da questo invito nasce la opportunità di una migliore riflessione sul rapporto tra catechesi e persona .

In questo orizzonte in una precedente riflessione[2] mettevo in evidenza che il servizio educativo della comunità cristiana come relazione generativa ha molta utilità quando ci riferiamo al compito formativo in riferimento alla trasmissione della fede verso le nuove generazioni (socializzazione primaria in famiglia e nella  comunità). Secondo alcuni infatti la catechesi va ripensata a partire dalla sua finalità di incontro con Gesù Cristo[3]. Manifestavo preoccupazione, invece, in riferimento alle altre età spirituali e dello sviluppo della risposta di fede. La crisi adolescenziale, il compito di “entrata nella responsabilità sociale”, la interiorizzazione e integrazione tra fede e vita quotidiana, la stessa rievangelizzazione o ritorno alla fede,  hanno bisogno di modelli di relazione educativa più complesse.  L’educativo deve essere pensato nella prospettiva di rendere le persone capaci di decisioni definitive. Non solo nella prospettiva della generatività quanto nella  prospettiva di una metodologia della ricerca o della acculturazione[4].

Meddi L., Catechesi e persona in prospettiva educativa, in Catechesi, 2011-2012,81,3, 3-13.

Leggi tutto l’articolo
Indice

1. il compito proprio della catechesi
2. il problema centrale della catechesi: il formalismo religioso
il problema
diverse risposte date al problema a partire dal DB
3. fede come risposta personale
una nuova percezione del problema: la persona protagonista della risposta di fede insuffcienza e supramento della eredità tridentina: insufficienza della istruzione veritativa
4. una comunicazione significativa
una prima figura: l’istruzione pedagogia
attenzione al significato del linguaggio religioso
5. una fede comunicata
la seconda figura: la comunicazione della fede
l’evoluzione della figura
6. il messaggio dentro la persona
crescente attenzione al protagonismo della persona nell’atto di fede
l’emergere della terza figura: la catechesi educativa
le diverse articolazioni della figura: la catechesi per la pratica di fede; lo studio del rapporto tra messaggio e dinamismi della persona; pratiche psicologiche e spiritualità: integrazione e valorizzazione reciproca
7. verso una integrazione della pratiche formative



[1] Conferenza Episcopale Italiana, Educare alla vita buona del Vangelo. Orientamenti pastorali dell’Episcopato italiano
per il decennio 2010-2020
, Roma  2010, 4 ottobre.

[2] L. Meddi, Il ritorno dell’educativo in pastorale / 1 in Catechesi 81 (2011-2012) 1, 3-11.

[3] La sottolineatura del tema dell’incontro con Gesù di Nazaret come finalità specifica della catechesi appare dopo la pubblicazione del Direttorio Generale per la Catechesi (1997). È questo documento che, in discontinuità con i primi testi post-conciliari, centra la sua definizione (cf. n. 80) sulla citazione di Catechesi Tradendae n.5 dove si presenta proprio questa prospettiva. Cf. la riflessione di Scola A., La catechesi, in Id.,  Chi è la Chiesa? Una chiave antropologica e sacramentale per l’ecclesiologia, Queriniana, Brescia  2005, 252-264.  Il tema, in sé molto suggestivo, in ambito catechetico soffre di molte incertezze e sembra più adatto al compito del primo annuncio.

[4] Il termine acculturazione esprime meglio il rapporto che avviene all’interno delle persone e dei gruppi umani tra acquisizione della tradizione culturale e rielaborazione personale. A questo termine con CT 53 venne preferito il termine inculturazione che in campo teologico viene utilizzato per studiale i criteri del rapporto fede e cultura ma che, in senso antropologico, coinciderebbe con la sola socializzazione della cultura stessa.

Un nuovo itinerario per la formazione cristiana in Itali

logobreveCome dare risposta all’esigenza di educazione emersa recentemente nella pastorale italiana?[i] La tesi di questo intervento si riassume nell’affermazione che la formazione cristiana (compito primario della catechesi) ha bisogno di rinnovare il suo itinerario. Itinerario, cioè descrizione delle tappe ideali del cammino della fede. Ma quale è l’itinerario adatto a realizzare i compiti della catechesi nel  nostro contesto di Annuncio della fede e Formazione dei credenti? Per dare una risposta si devono comprendere in  profondità i limiti delle  scelte fatte nel primo post-concilio. Essi si riassumono nella contraddizione di una catechesi rinnovata nelle finalità ma non nella sua organizzazione formativa che rimase pensata come servizio alla comunicazione della fede. È necessario invece un riequilibrio tra la dimensione della comunicazione e quella della libera e personale appropriazione della esperienza cristiana. L’analisi delle attuali “offerte formative” mostra che permangono nella scelta di privilegiare il compito della trasmissione del messaggio. Questo sbilanciamento verso la prima dimensione del processo missionario non permette un adeguato sostegno alla receptio e interiorizzazione della proposta cristiana.  Se questo non avviene si continuerà a pensare la catechesi come solo servizio di socializzazione di una esperienza religiosa precedente senza permettere una adeguata esperienza di appropriazione della rivelazione che la sostiene. Per tale scopo è insufficiente il recupero del modello catecumenale attuato in questi anni perché rimane esterno ai processi di trasformazione della persona. per questo occorre un ripensamento globale dell’ Itinerario per la vita cristiana.

1. La vicenda dell’itinerario catechistico italiano nel post-concilio

Secondo molti abbiamo bisogno di un itinerario capace di superare i limiti del modello catechistico e pastorale tridentino centrato sulla istruzione veritativa sostenuta da una notevole pastorale di pietà popolare. Un itinerario “di popolo” (catecumenato di popolo) come un “noviziato battesimale o catecumenale crismale”. Un itinerario che si realizza nei luoghi di esperienza di vita cristiana. Un itinerario mistagogico perché attento allo sviluppo religioso, alla capacità di decisione, alla guarigione interiore, alle età evolutive delle persone. Un itinerario, quindi, capace di superare veramente il cognitivismo della trasmissione del messaggio e di occuparsi della sua interiorizzazione. Ma è questo l’itinerario verso cui si sta dirigendo la “riforma” della catechesi italiana?

Indice
1. La vicenda dell’itinerario catechistico italiano nel post-concilio
Dalle età psicosociali alla scelta catecumenale
Le non scelte di Annuncio e Catechesi
La questione di fondo: itinerario per quale obiettivo?
Riprendere riflessioni e proposte catechetiche non considerate

2. La forma dell’itinerario. Scelte per un nuovo progetto catechistico
Tra teologia e pedagogia
Nel rispetto della complessità della pratica formativa
Itinerario e sviluppo della dimensione religiosa della persona
Per una catechesi come abilitazione delle competenze di vita cristiana (la armatura di Cristo)

3. Verso un itinerario condiviso



[i] Mi collego idealmente a due mie riflessioni precedenti  Il ritorno dell’educativo nella pastorale/1-/2, in Catechesi, 2011-2012, 81,1, 23-31 e, 81,2, 3-13.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: