Category Archives: grandi parole

Annunciare la vita eterna

Annunciare la vita eterna. Prospettiva pastorale.
Intervento di don Luciano Meddi al Convegno del Centro Volontari della Sofferenza e Lega Sacerdotale Mariana «Credo la vita eterna, vita risorta». Roma 23 gennaio 2018

Evangelizzare: compito e compiti della chiesa

Evangelizzare: compito e compiti della chiesa. Lettura missiologica. Intervento di don Luciano Meddi al seminario Missio-Cum-Tom: «Nuovi e antichi Ministeri per la Missione». Verona 6 luglio

Non svendo la dottrina, seguo il Concilio

Stefania Falasca, Avvenire  giovedì 17 novembre 2016, intervista Papa Francesco Giubileo, ecumenismo, Concilio: intervista a Francesco alla vigilia della chiusura della Porta Santa: «La Chiesa non è una squadra di calcio che cerca tifosi» «Il Giubileo? Non ho fatto un piano. Le cose sono venute. Semplicemente mi sono lasciato portare dallo Spirito. La Chiesa è il Vangelo, non è un cammino di idee. Questo Anno sulla misericordia è un processo maturato nel tempo, dal Concilio… Anche in campo ecumenico il cammino viene da lontano, con i passi dei miei predecessori. Questo è il cammino della Chiesa. Non sono io. Non ho dato nessuna accelerazione. Nella misura in cui andiamo avanti, il cammino sembra andare più veloce, è il motus in fine velocior ». Casa Santa Marta, è mezzogiorno. La conversazione con papa Francesco entra diretta nelle dinamiche di un periodo ecclesiale intenso, e non poteva che soffermarsi in particolare sugli incontri e sui passi ecumenici compiuti che hanno costellato anche i viaggi apostolici in questo Anno della misericordia che sta per concludersi e sulla ricerca prioritaria dell’unità dei cristiani, in questo tempo storico lacerato dai conflitti.

Che significato ha avuto commemorare con i luterani in Svezia i cinquecento anni della Riforma? È stata una sua “fuga in avanti”?

Narrare e raccontare Gesù. Compito della (nuova) evangelizzazione

[Intervento di don Luciano Meddi. Parma 26 novembre]

Porta del redentore (porta ovest) del Battistero di Parma, Battistero. Il giudizio finale è “sostituito” dall’evento della morte-risurrezione che dona la rendenzione; a cui i battezzati sono invitati a rispondere con le opere di misericordia. Esempio di superamento della visione “giudiziale” dell’escatologia. Tuttavia si rimane nella prospettiva che identifica la missione di Gesù solo nella redenzione, svalutando gli altri aspetti della sua missione e soprattutto il valore della pratica messianica pre-pasquale. Per il futuro della NE questo modello di annuncio va integrato o ripensato a partire dall’annuncio del regno di Dio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: